Rete degli archivi per non dimenticare

La Rete degli archivi per non dimenticare è stata promossa nel 2005 dal Centro documentazione Archivio Flamigni.

Il 9 maggio 2011 è stato inaugurato dal Presidente della Repubblica il nuovo portale tematico realizzato in collaborazione con la Direzione Generale per gli Archivi.

Ad oggi comprende più di 50 archivi, soprintendenze archivistiche, centri di documentazione e associazioni, che lavorano per conservare e rendere accessibili le fonti documentarie sui temi legati al terrorismo, lo stragismo, la violenza politica e la criminalità organizzata. Le associazioni e i centri di documentazione aderenti sono in molti casi realtà decentrate, espressione di partecipazione dal basso e di sensibilità storica e politica, che favoriscono l'incontro e il dialogo tra pratiche diverse di salvaguardia e diffusione della memoria.

Per ampliare il censimento e dare spazio alle numerose attività realizzate sul territorio, da ottobre 2010 è attivo un indirizzo mail per la raccolta e la divulgazione di informazioni sulle iniziative, anche minori, realizzate per tenere viva la memoria delle vittime delle stragi, del terrorismo, della violenza politica e della violenza mafiosa: statomemoria@retedegliarchivipernondimenticare.org.

Per una descrizione aggiornata del percorso seguito fin qui dalla Rete e degli obiettivi futuri è disponibile l'ultimo documento prodotto.