Patrimonio archivistico

Il patrimonio documentale conservato comprende l'archivio di Sergio Flamigni, dichiarato di notevole interesse storico dalla Soprintendenza archivistica per il Lazio nel 2003, e alcuni fondi archivistici donati da privati, in particolare da Emilia Lotti, dirigente nazionale dell'Udi, da Piera Amendola, assistente di Tina Anselmi durante l'VIII Legislatura e incaricata dell'archivio della Commissione d'inchiesta sulla Loggia P2, dall'avvocato Giuseppe Zupo e dall'ex partigiano e militante comunista Angelo La Bella (in copia).

Nel corso del 2007, grazie a un finanziamento della Soprintendenza archivistica per il Lazio, è stato realizzato un primo intervento di ricognizione della documentazione del Fondo Flamigni, per il quale si veda la Guida descrittiva del Fondo Sergio Flamigni a cura di Cristina Saggioro, Emanuela Fiorletta e Pierpaolo Caputo in Centro documentazione archivio Flamigni. Un archivio per non dimenticare, a cura di Ilaria Moroni (Viterbo, Settecittà, 2008).

Grazie ad un ulteriore finanziamento della Soprintendenza archivistica per il Lazio e della Provincia di Viterbo è stata avviata la schedatura informatizzata e l'ordinamento dello stesso fondo, nonché delle carte di Angelo La Bella.

L'inventario parziale è pubblicato sul sito di Archivi del novecento-La memoria in rete, che raccoglie gli archivi di 84 istituti culturali. Accedi alla base dati